.
Annunci online

JerrySpringer

 
 
 
 
           
       













Nothing cuts wrists like a little kiss
And
Nothing could kill
like your finger slipping tonight

I know you're out there
You know i'm out there

If I can't trust myself
then how can I trust you


Truth Or Dare - They live By Night





 
8 luglio 2006

...O di chi ne fa le veci.

erm...urm..oh che emozione.
sto profanando l'improfanabile,ma lo sto facendo per voi,perchè immagino siate preoccupati...lo siete eh? eh? eh?
dove sarà finita la testolina pazza che intratteneva tutti noi?
perchè diciamocelo,chi come home page non aveva 'jerryspringer.ilcannocchiale.it'?
beh io ce l'ho ancora.

IO.

sono Anna,the red one.
Anna la parte cattiva,credo.
Anna l'altra.
L'altra metà.
Annalisa,se ancora non avete capito.

ieri mattina mi sono svegliata accanto a lei,vi assicuro che è sempre bellissima.
Aveva un caffè caldo in mano per me.
"oddio Anna,è tardi,devo andare a cambiare il parchimetro.bla bla bla.la multa....su su"
Ci aveva già pensato lei,l'angelo mio,mentre mi dà una brioche coi frutti di bosco.
Shopping feroce,Zara is gonna save us all,le chiedo prima di salutarla di aggiornare il suo blog,i suoi fan la reclamano....ma ha il computer fuso da mesi,credo.
"Fallo tu".
ok.

ah,erm..nuove frontiere,eh!  www.myspace.com/thetiesandthelies
provare per credere.

ora mi chiedo...forse non esiste....forse me la sono immaginata io...ora sto addirittura scrivendo sul suo blog...l'immedesimazione è totale,è come se fosse qui,è come se fossi qui.




permalink | inviato da il 8/7/2006 alle 22:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

19 aprile 2006

A.A.A. CHITARRISTA CERCASI

Suoni la chitarra? Suoni la chitarra e non hai mai fatto parte di una cover band degli Oasis?
Abiti a bologna o dintorni? o meglio: sei di Bologna o dinotrni?
Sogni fin da piccolo/a di far parte di un gruppo rock?
Un gruppo alternative rock?
un gruppo un pò tipo libertines, un pò tipo franz ferdinand?
Ma soprattutto: hai 2 sere a settimana libere per impegnarti con noi?
Ma soprattutto: sei un bel cinno/una bella cinna?
Bene!
WE NEED U!




permalink | inviato da il 19/4/2006 alle 10:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (19) | Versione per la stampa

8 aprile 2006

Losing on a tuesday. Adam green@Rainbow Club, Mi town.

Il ritorno.
E pensare che c'era chi diceva che avevo appeso il blog al chiodo! invece no, eccheme qua.
Trasferta milanese per me e la mia stellina rossa ('aaa rossa!!) alla volta del Rainbow Club to see Mr Verde Verdino Adamo che colse la prima mela. ma anche la prima rosa e chissà se poi l'ha letta (read the rose, motherfucker!!).
Si va anche se non conosco una sola canzone, non so nemmeno che voce abbia Adam green, ma lei è pazza e mi trascina con lei. mi convince sempre. sono in suo possesso.
Il viaggio in treno scorre tra lettere illeggibili, Art burt impresso sui jeans, chiacchere sulla Malefica (andy, you Know who i'm talkin bot) e sul Puer (you know again, sista), tra risate e casino e ma lo sai che il gruppo lo chiamiamo “the ties and the lies” e progetti d'assalto groupesco, i Buzzcocks e la tipa pseudo china-giapana alla mia sinistra che sbuffa da parma a rogoredo perchè ci teneva tanto a farsi un pisolino. No, davvero, lo sky line milanese arriva troppo presto, io che quel viaggio lo avrei fatto durare per ore perchè lei non la vedevo da un mese e c'era troppo da dire, da rivivere assieme...
Arrivate a casa 2 caffè di necessità e di virtù, le compilatie fatte per l'occasione appalla nello stereo e via ai preparativi. possiamo arrivare senza un adolescentissimo cartellone?? potevamo?? neee.


Doccia, piastra, trucchi sparsi per la casa e cazzo ci siamo dimenticate i brillantini (questo è graaaave), vuoi un caffè che dai che lo faccio, guarda l'output finale, ma non sembro un clown?, e la rosa dove la compriamo. meravigliosa. si esce di casa alle 6 del pomeriggio vestite come si va a ballare ma chissenefrega. Da H&M aspettiamo invano la mia natural sista che si intrattiene al telefono mentre noi congeliamo. Annalisa dentro il suo vestitino dal gusto sixties strafigo, sotto i suoi capelli rossi liscissimi e la frangetta che le incorniacia il visino da star. Io dentro la mia gonna di jeans e la felpina di cotone, la maglietta in tinta con gli stivali così stretta e scollata che sembrava non avessere avuto voglia di finirla di cucire. il mio frangione alla Emily The Strange, i soliti occhioni da egiptian girl. Due cheeseburgher per stare leggeri senza riuscire più nemmeno ad orientarsi in Cso Vittorio emanuele, inglesini visti da h&m che bevono birra, inglesini strafigi visti da h&m che accompagnano le fidanzatine strabrutte ma vestite troppo belle a comprare cazzatine per i capelli, tedeschi barbuti sulla metro per bande nere, fermata bande nere.
E io che mi cagavo sotto ogni volta che entrava qualche arabo sembiante. Ho fatto lo scanner a 160 mila persone, tipo. Annalisa che se la ride e dice che sono scema, io penso a lei che è una delle cose più belle che mi sia capitate in vita mia. La rosa alla fine la troviamo a 100 m dal rainbow. Fiuuu. La rosa è la rosa, serve, “fa”, come dice annali. Tassello fondamentale del nostro progetto.
Facciamo in tempo ad arrivare al Rainbow che veniamo fermate “Ma voi siete anna e annalisa, quelle degli interpol?”. Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaw, proprio noi. Valentina, Valentina del Forum degli interpol, valentina e le mille mail, Valentina e che bello ritrovarti. Valentina gran bella sorpresa, è bello incontrare persone così. Dolce, carina, sincera, fresca, allegra, carica. Valentina. Grande.


Tempo 5 secondi ed eccolo arrivare, passarci dietro col basco in testa come fosse uno qualunque. Il tempo di una foto, squadrare le lunghe gambe di Annalisa perché-lei-vale e scappare.


Siamo ovviamente le prime ad arrivare e conquistiamo la prima fila, la transenna, la fredda transenna. Siamo al centro del palco. Degni di nota i Jake lewis o comecazzosichiamavano, che cantano sfogliando un enorme quaderno di disegni dove sostengono ci siano i video “very low budget video” delle loro canzoni, le mani e il driver of the bus, tra cui spicca la storia del comunismo dal 1900 in avanti, col kaiser Guglielmo tutto incazzoso e la fine che sfocia nella Cina ma questa è una altra storia. Finalmente sale sul palco Adam è uno settacolo. Camicia bianca infilata nelle braghe blu all’ultimo momento, giacchetta beige e chiavi di casa attaccate alla cintura. E’ bruttino come mi ricordavo, mentre valentina e annalisa imbrattano di bava la fredda transenna di cui prima. Sembra strafatto, non sta in piedi, barcolla, fa cadere il microfono 10 volte solo nei primi 14 secondi della prima canzone. Ma la voce c’è, cazzo se c’è, ed è profondissima, limpida, calda, chiudo gli occhi e mi sembro immersa nella tempera blu. Li riapro e ci sono quelle odiosissime luci rosse che robìvinano ogni tentativo di fare foto decenti, e lui non si tiene, fa avanti e indietro per il palco per tutta l’ora e mezzo del concerto, sfascia microfoni, fa l’egiptian walk, si struscia il sedere su quello del suo bassista. Il suo chitarrista poco prima ci aveva intrattenuti suonando la acustica e accompagnandosi con l’ipod, “very low budget band”. Questi sono tutti matti. Geniali. Lui è veramente bravo. Li valeva tutti i 15 eurini. Ad un certo punto non è più prevista nemmeno la set list, chiede direttamente al pubblico cosa vogliono sentire. Su the Computer Show Annalisa quasi sviene ed è l’unica a capire che quel matto cambia la metà del testo, mentre se la ride, la chiama sul palco, lei gli dà la rosa che lui fa volteggiare per un po’ al suo fianco. Scena da sottolineare per la pochezza della cosa: due saltano sul palco, si metteno a “”ballare”” (strusciarsi tra di loro e su di lui, vedetela voi) e a cantare con lui, fin qui tutto carino, lui ride, fa avere loro i loro 2 minuti di celebrità e le lascia fare, fino a che una di queste gli prende la faccia e gli schiaffa la lingua in bocca, per poi scendersene dal palco in tutta fretta. Ecco, i 2 minuti di celebrità sono diventati i 2 minuti di volgarità. Ma tant’è.

















Io penso solo: "cazzo sto guardando gli occhi che hanno visto quelli di julian casablancas!"



Anche qui il concerto finisce troppo presto, valentina ce la perdiamo e noi, da brave groupie d’assalto, ce ne scappiamo verso la metro che sennò chiude. Annalisa fa in tempo a salutare l’amico Francesco (il cantante dei baustelle che era venuto a darsi una botta de vita) e via verso casa. Arriviamo disfatte ma così felici. Non ci si credeva! Io non ero svenuta o soffocata o impasticcata o arsa viva e lei aveva avuto adam green davanti agli occhi per una buona oretta. Progetti di adam-tatoo e chiacchere con la sorellina in crisi mistico-sentimentale. Per la prima volta in 3 mesi mi addormento prima ancora di appoggiare la testa sul cuscino.




Ma ora basta il resoconto si sta fancedo lungo. Della successiva giornata milanese con la mia stella cercherò di postare il filmato dello squeezable e da lì si capirà tutto. Per il resto, voglio tener tutto per me. Chiacchere, risate da goccioloni agli occhi, gozzip e confidenze, caffè e spuntini vitasnella.
E’ già tutto nel mio cuore.






permalink | inviato da il 8/4/2006 alle 17:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa

10 marzo 2006

Dirrrrty pretty thing

No, chi se li caga Carl Barat e Co.



Io sto parlando della mia brand new reason for being a human being. Musicalmente expressamente parlando.



Sono quei maialoni dei Luis XIV. Di cui non vanno viste le
foto(non hanno la cartola come mi aspettavo, ma può andare, e il loro
sito (porno). Anche i video sono pessimi, un pò volgarotti a dire la
verità (le donne capiranno, i maschi apprezzeranno). Ma, sì, cazzo sì,
credo sia uno dei migliori album che ho sentito di recente. E tu,
parente alla lontana dello stilista che firmi come uno qualunque, come
l'uomo della strada schutziano, non te la prendere ammale. lLo sai il
potere della novità. All I needed was a certain trigger e l'ho avuto.





Li ADORO.

Ah little Stacy Q
When she doesn't have a thing to do
She comes to my house
Well, let's keep that between me and you
She takes off her clothes
She likes to tell this boy what to do
Let's keep that between me and you, ok
She said oh come on boy aren't you tired of talking about sex
I said little girl what do you really expect
And then she pledges her allegiance
To the united states of me
She says you're such a little bitch

She says head case head case
Turn that thing around
Let's play a game when you hear me make a sound
Just go quite a bit faster
Pretend that I'm gagged and bound
Oh how I love to hear that sound
Milkshake milkshake I love to feel you sweat
We don't have to go to the pool
If you want me to make you wet
Can you keep a secret
Because the best little secrets are kept
And you're my best little secret yet

Well, kit kat kit kat kitten you're the kicks
She said let me feel your love
I mean come on make it stick
I'm the best of your little baby chicks
oh you're my sweet tooth sugar fix

tick tock tick tock oh baby forget the clock
You don't have to do a thing
and you know I like your baby talk
Just make sure to close the shades and turn the lock

A milkshake milkshake I love to feel you sweat
We don't have to go to the pool
If you want me to make you wet
But can you keep a secret
Because the best little secrets are kept

Ah little Stacy Q
When she doesn't have a thing to do
She comes to my house
Well, let's keep that between me and you
She takes off her clothes
She likes to tell this boy what to do
Let's keep that between me and you, ok?
She said oh come on boy aren't you tired of talking about sex
I said little girl what do you really expect?
And then she pledges her allegiance
To the united states of me
She says you're such a little bitch

She says head case head case
Turn that thing around
Let's play a game when you hear me make a sound
Just go quite a bit faster
Pretend that I'm gagged and bound
Oh how I love to hear that sound
Milkshake milkshake I love to feel you sweat
We don't have to go to the pool
If you want me to make you wet
Can you keep a secret
Because the best little secrets are kept
And you're my best little secret yet

Well, kit kat kit kat kitten you're the kicks
She said let me feel your love
I mean come on make it stick
I'm the best of your little baby chicks
oh you're my sweet tooth sugar fix

tick tock tick tock oh baby forget the clock
You don't have to do a thing
And you know I like your baby talk
Just make sure you close the shades and turn the lock

A milkshake milkshake I love to feel you sweat
We don't have to go to the pool
If you want me to make you wet
But can you keep a secret
Because the best little secrets are kept

Ah little Stacy Q
When she doesn't have a thing to do
She comes to my house
Well, let's keep that between me and you














permalink | inviato da il 10/3/2006 alle 16:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (56) | Versione per la stampa

2 marzo 2006

FLACKATTACKATTACKATTACK! Sabato sera

FlackAttack!

Tavola rotonda rizomatica + Party virtuale
djset NicFit (NY)



Sabato 4 marzo 2006 - ore 18
Circolo Arci Sesto Senso - v. Petroni, 9/c
Bologna


Organizzato da: Carlo Giordano + Mattia de Bernardis
Info: postmaster@kjj.it - www.kjj.it/flack/


---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Io ci sarò. Voi?
Chi non c'è è un Cecchi Paone. E' l'evento + cool del secolo. Ci sarà anche Chuck Norris.




permalink | inviato da il 2/3/2006 alle 18:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (72) | Versione per la stampa

2 marzo 2006

FLACKATTACKATTACKATTACK! Sabato sera

FlackAttack!

Tavola rotonda rizomatica + Party virtuale
djset NicFit (NY)



Sabato 4 marzo 2006 - ore 18
Circolo Arci Sesto Senso - v. Petroni, 9/c
Bologna


Organizzato da: Carlo Giordano + Mattia de Bernardis
Info: postmaster@kjj.it - www.kjj.it/flack/


---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Io ci sarò. Voi?
Chi non c'è è un Cecchi Paone. E' l'evento + cool del secolo. Ci sarà anche Chuck Norris.




permalink | inviato da il 2/3/2006 alle 18:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

28 febbraio 2006

Notissia

Da lunedì la signorina torna ad avere fissa dimora in una splendida doppia in via galliera, a 2 passi dal Deep, in pieno centro, in casa con un very bristish so british così London da fà paura, una ragazza di treviso, il dolby in salotto (avrò un salotto), 3 tv in casa, di cui una in sala da pranzo (avrò una sala da pranzo) e lìidormassaggio nel cesso di casa, ragazzi miei.. non potrò ospitare niuniìo, ma ne andrà della mia salute psico fisico mental propedeutica (?). sarò molto più serena. Aaaah, grazie.

Sista, l'avvocatessa? e tu? sparita? sparuta? Io settimana ai confini della realtà. chi vivrà saprà.
Zupabra, staze invio mail con list, se mio bra naturelle è raggiungibbole, lui la detetiene.

Ann




permalink | inviato da il 28/2/2006 alle 15:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa

16 febbraio 2006

Annie,Tim,Paul,Pilu.

Glamorous
Indie rock'n'roll is what I want
It's in my soul, it's what I need
Indie rock'n'roll, it's time
Two of us
Flipping through a thrift store magazine
She plays the drums, I'm on tambourine
Bet your, your bottom dollar on me

It's Indie rock'n'roll for me
It's Indie rock'n'roll for me
It's all I need
It's Indie rock'n'roll for me

In a clutch
I'm talking every word for all the boys
Electric girls with worn down toys
Make it up, break it up, what do you care
Oh what do you care?

I take my twist with a shout
A coffee shop with a cause, then I'll freak you out
No sex, no drugs, no life, no love
When it comes to today

Stay if you wanna love me, stay
Oh don't be shy, let's cause a scene
Like lovers do on silver screens
Let's make it yeah, we'll cause a scene

It's Indie rock'n'roll for me
It's Indie rock'n'roll for me
It's all I need
It's Indie rock'n'roll for me

In a clutch
I'm talking every word for all the boys
It's Indie rock'n'roll for me
It's all I need
Makin' up, breakin' up, what do you care
What do you care?
It's Indie rock'n'roll for me

Two of us
Flipping through a thrift store magazine
It's Indie rock'n'roll for me
It's all I need
Makin' up, breakin' up, what do you care
What do you care?
It's Indie rock'n'roll for me




permalink | inviato da il 16/2/2006 alle 16:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (52) | Versione per la stampa

16 febbraio 2006

I Know you're out there. And you Know I'm out there.


I planted my heart and soul
In this place where nothing grows

And I’ll never know the things I left behind
to be with you

It grows so strong
Of course I did nothing wrong
But I’ve got a feeling I will mess this up
And I will lose it



Nothing cuts wrists like a little kiss
And
Nothing could kill like your finger slipping tonight
And I know you’re out there


That garden’s getting green
Please tell me where you been
If I can’t trust myself
Then how can I trust you

If you found someone else
I would be strangely blessed
If I don’t have my one true love
I can’t lose it


Nothing cuts wrists like a little kiss
And nothing could kill like your finger slipping tonight
And I know you’re out there
(And you know I’m out there)

And I know that I would hate myself tomorrow if I taste it
And my life would be all sorrow
But right now I’m really wasted
And I’m back again
I’m sixteen
Just rejected, lovesick, desperate
And I really should go home, but ah,
She’s looking interested





permalink | inviato da il 16/2/2006 alle 16:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

16 febbraio 2006

Scusatescusatescusate

ARCTIC MONKEYS

VENERDI’ 12 MAGGIO 2006
NONANTOLA (MO) – VOX CLUB
Viale Vittorio Veneto, 13
Info-line 059 361116
Prezzo del biglietto € 18,00 diritti di prevendita


SABATO 13 MAGGIO 2006
MILANO - ROLLING STONE
Corso XXII Marzo, 32
Info-line Indipendente 0434 208631
Prezzo del biglietto € 18,00 diritti di prevendita


TRAFFIC TORINO FREE FESTIVAL 2006 - III EDIZIONE - DAL 12 AL 15 LUGLIO A TORINO

FRANZ FERDINAND
PRIMI ATTESI HEADLINER SUL PALCO IL 14 LUGLIO
Per informazioni al pubblico: WWW.TRAFFICFESTIVAL.COM





BELLE AND SEBASTIAN

MERCOLEDI’ 24 MAGGIO 2006
MILANO – ROLLING STONE
Corso XXII Marzo, 32
Infoline Indipendente 0434 208631
Prezzo del biglietto € 23,00 diritti di prevendita


GIOVEDI’ 25 MAGGIO 2006
NONANTOLA (MO) – VOX CLUB
Viale Vittorio Veneto, 13
Info-line 059 361116
Prezzo del biglietto € 23,00 diritti di prevendita



aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhh
muuuuuuuuuuuuuaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhh
ghghghghghggghghgh
dopo i futurheads non ho più parole
hghghghghghghghghghggggggggggggggggggggghhhhhhhhghghhhhhhhhhghghg




permalink | inviato da il 16/2/2006 alle 13:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

16 febbraio 2006

At the bottom of everything.

Oggi, versione nostalgico-decadente-romantico-deprimente.
Mi sto facendo un pò di male con i Killers, che, è noto, non mi ricordano un bel niente. Niente è legato ai Killers. No, no.
L'unica copertina di NME che campeggia in camera mia, dopo quelle not-so-fake dei Making Scenes e del Riot WeekEnd, parla di Fame, Decadence and Glamorous indie rock'n'roll col faccione di Mr Brigthside eroe mascarato che mi punta con aria interrogativa.
E via Goito sembra essere a 2 passi da qui. Così vicina. Ma il portone è sempre chiuso.
E mentre il futuro sembra legarsi a doppio filo col passato, mentre continuano a vietarmi di "fare cose vedere gente", cancello gli Interpol da questo blog, perchè forse è ora di cominciare a dimenticare. Non in quel modo spaventoso che solo chi soffre capisce, quel tabula rasa involontario su tutto ciò che in qualche modo ti ha emozionato, che taglia via i ricordi migliori e quelli peggiori senza i dovuti distinguo, e senza chiedere il permesso. No, parlo di rimozione volontaria, conscia e consapevole. non perchè non voglia più ricordare, ma perchè odio dover ricordare. Bene, è una delle mie solite pugnette. Ad ogni modo, il secondo viaggio della speranza pare non si farà, e il primo, beh, il primo rimarrà per sempre nel cuore e nella testa, ma non per quell'albergo, quella stanza, il portatile di paul, il suo cellulare stra-fìco con cui faceva le foto, la biancheria di Mr Dengler, la valigetta in cartone rigido verde sooo 30's, la molestia di Daniel in ascensore, i bambinelli fuori dall'albergo che ci scattano foto, il termometro alle 9 del mattino, le mille domande, il tuo film preferito, e Rosmary's Baby is soooo booooring. Cuore e mente, ma non per le mille volte di The Terminal, la schiuma di barba e il gel appiccicoso, Dracula, le redbull rovesciate nel backstage, le bacchette di Sam e che figo balliamo gli Spoon?
So che per lei è diverso.
Ma per me.
Per me.
Per me cuore e mente perchè non avevo mai dormito in una macchina, con la pioggia battente. Risvegliarmi con il lucidalabbra intatto. Perchè questo viaggio m'ha cambiato un pò la vita, anche se ancora non ho imparato a rimettermela a posto da sola. Cuore e mente per la pioggia in Francia, la Svizzera con l'euro che non lo prendono e il suo verde meraviglioso appena fuori il Gran Sanbernardo, il mc Donald's a Berna con le mosche, le palline con Winnie the Pooh in autogrill, le mille sigarette fumate, il cambio d'abito in macchina, il vino rosso, il suo profumo  spruzzato a valangate in una macchina troppo piccola per tutte le nostre valigie. I volti attoniti quando diciamo di essere in lista, chi ci chiede l'orario in inglese per poi scoprire che forse parliamo lo stesso idioma, i donnoni e il caos sul web. Questo è quello che voglio ricordare. Loro non sono niente in confronto a Lei.
E come dice Lei, Next time we'll be walkin down the streets hand in hand.
Sto cambiando tante cose, forse troppe tutte insieme. E continuo ad avere la sensazione di aver perso qualcosa per strada, dov'è, dov'è la mia sicurezza, la mia tenacia, il mio coraggio? perchè sono così diversa da quella bimbetta che sorrideva sempre, che aveva paura solo di non trovare il piatto di pasta al ritorno da scuola, che aveva sempre la casa piena di gente e che non si preoccupava se un capello era fuori posto? Quando si cresce non si dovrebbe andare avanti, migliorarsi, imparare dagli errori? E allora perchè continuo a guardarmi indietro e vedere sempre qualcosa di più che davanti a me non trovo?

Tutto mi sembra di una inconsistenza ingenerosa,  di una violenza inaudita.

E, soprattutto, ho la netta sensazione di non imparare un bel niente. Continuo con gli stessi errori di sempre, come se non ci fosse altro modo di agire. Non c'è ordine, non c'è equilibrio, non c'è sicurezza.  Incastrata in un modo di agire e pensare che non sento più mio ma che al tempo stesso me lo sento cucito addosso.
 
Certo è che non riesco a rassegnarmi, e se non trovo la fine del tunnel forse è meglio che ci pensi sopra e quanto meno cominci ad arredarmelo.




..cause Andy you're a star, in nobody's eyes but mine..
..Andy you're a star..




permalink | inviato da il 16/2/2006 alle 12:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

14 febbraio 2006

Try to be You, Ann.



Ho ricevuto questa slendida dichiarazione da una persona importante.
Io happy per questo, per averla nella mia vita, per il fatto che lei è lei ed è sempre lei.
L'ammiro.
Ho raccattato un 29 nel primo esame della specilistica, che non fa mai male.
Mi sono impegnata, è giusto, anche se, detto tra noi, cazzo di voto è 29?
E' più di 28, mi è stato detto, zitta e taci fighetta dimmerda.
Vero.
dovrei essere felice.
invece nella notte di nuovo quella sensazione, i brividi, i sudori freddi, la nausea.
3 ore di dolori fortissimi e ansia, la pressione a terra e non sapere mai che fare.
mai quando ti verrà, mai se smetterà, mai come evitarlo.
C'è di peggio.
Vero.
Ma a volte sono davvero stanca di questo.





permalink | inviato da il 14/2/2006 alle 20:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa

12 febbraio 2006

Approposito di cover.

Indie clubbers Kick Ass.





permalink | inviato da il 12/2/2006 alle 20:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (45) | Versione per la stampa

11 febbraio 2006

10 febbraio, sempre meglio. ma drop, we miss u.

Ghghhghghghgh.
  Che Donna. Che style. cause you've got so much style!




  Duo Misery.


Ovviamente le stelle sono fittizie. O hanno i capelli rossi e sorridono, a seconda dei punti di vista. :)





permalink | inviato da il 11/2/2006 alle 22:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa

11 febbraio 2006

Well That Was Easy

EXCLUSIVE COVER @ COVO LAST NITE




See better here









permalink | inviato da il 11/2/2006 alle 16:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa

10 febbraio 2006

Lovin' U so damn much





permalink | inviato da il 10/2/2006 alle 19:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

10 febbraio 2006

Happyness, at least

Finiti esami.
Stasera Covo.
E Futurheads a Milano il 22 Marzo.
Fucking amazing!!
LUV***




permalink | inviato da il 10/2/2006 alle 18:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

9 febbraio 2006

JUSTICE, AT LEAST

"Liberitutti non è stato imparziale"
Multa di 150 mila euro a Rete4


ROMA - Una multa da 150mila euro a Mediaset per la puntata del 4 febbraio di 'Liberitutti', il programma condotto da Irene Pivetti su Retequattro, che ha ospitato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi: è quanto ha deciso a maggioranza la commissione Servizi e Prodotti dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, che aveva contestato la violazione delle norme dell'Atto di indirizzo sull'informazione nel periodo pre-elettorale varato dall'organismo di garanzia il primo febbraio.


da Repubblica.it di oggi.


Giustizia, santissima Giustizia.
 Perchè quella sera davanti alla tv c'ero pure io, visto che il palinsesto non solo delle reti ammiraglie, ma di tutti (TUTTI) i canali non forniva valide alternative alle pagliacciate del premier. E per fotuna che c'ero, ho istutuzionalizzato e rinvigorito il mio disprezzo per questa politica populista e infame che con congenialità viene aiutata dalle logiche di questa nostra televisione commerciale che di commerciale non ha più nulla (1h e 10 di indecenze, senza interruzioni pubblicitarie, quando per vedere un film di 90 minuti su mediaset ci vogliono 3 ore e mezzo), e disgusto per l'uomo politico che è (non l'uomo
tout court nè l'imprenditore, ma l'uomo politico). Un panegirico di questo nuovo santo della Religione dell'insulto e del duello, una autocelebrazione squisita, condita solo di ovazioni plebiscitarie ad ogni parola, ideologia pura berlusconiana con Sheva in lacrime perchè B. ha salvato la vita a suo padre, in una costante affermazione della sua genialità, e se chiedete quale difetto ha quest'uomo meraviglioso ma che non può certo essere perfetto è che.. è troppo generoso. Non sa dire di no. Non sa non aiutare gli altri, lui, l'unto dal Signore. Dove l'esempio massimo di come si può essere bravi e onesti emigranti in terra straniera, e di come è facile essere bravi e onesti profughi è Kledi Kadiu, ovvero il primogenito del trittico infernale Mediaset- Costanzo piduista- Maria, suo marito. Ma dico, stiamo scherzando, vero? Dove l'esempio di satira buona brava e bella che non fa male a nessuno sono le torte in faccia di pingitore e le tette della Yespica (a chi sembra un programma satirico il Bagaglino??).
Non un confronto, non un dibattito, non una voce contro: solo lui, il Sommo, l'incommensurabile, davanti al suo popolo che lo acclama, che china la testa e si cosparge di cenere. presidente operaio, oooooolè. presidente casellante, oooooolè!

E siamo a 2. Ricorreranno al Tar, certo. E la mortadella non farà niente, come non faranno niente tutti gli altri che stanno a guardare, come non fanno mai niente i giornalisti, che per primi, cazzo, per primi, dovrebbero indignarsi e invece, no, siamo sempre tutti proni.
Come se l'informazione fosse una merce qualsiasi dei Suoi consigli per gli acquisti.

Ma è tutta colpa delle toghe rosse, dei garanti rossi, e di una democrazia che più nera di così io non l'ho mai vista.
 




permalink | inviato da il 9/2/2006 alle 11:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa

6 febbraio 2006


Hey kids! hey kids! can you rock and roll???
what tell me?
yeah!
yeah!
yeah!
alright,let's go!








permalink | inviato da il 6/2/2006 alle 11:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa

5 febbraio 2006

Anbelivabble.

Mia madre sta facendo ginnastica in salotto con delle bottigliette d'acqua in mano, le mie scarpe da pallacanestro ai piedi e gli Arctic Monkeys nello stereo.




permalink | inviato da il 5/2/2006 alle 19:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (78) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo

*special needs*

Clem
Dany
IndieKiaraMente
GiuliaDet
Valè
Ste
Reader
GB che sta per GiganteBlu[e non Great britain,ribadiamolo]
ParanoidCaramel
IndieJunkies
Mitico Mist te vojo bene assaje
Dropday



Say hello to the angels








Ovvero

Amici miei
il MY MYSPACE
Anto
Giups
Il Sognatore
Da Sista Number 3
TheyLiveByNight



me l'avete letto 71999 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     aprile